Taratura e riparazione Revox B710 MKII - ARG-audio sito

ARG-audio
di Argenti Giovanni Milano
Vai ai contenuti
Revox B710  MKII         Revisione - Riparazione - Taratura
DATI TECNICI :
Azionamento a 4 motori con doppio capstain :
2 motori avvolgimento diretti
2 motori del cabestano diretti
Wow e flutter (DIN 45507): 0,1%.
Display a 7 segmenti:Il contatore del nastro, a 4 cifre, può essere impostato sulla funzione orologio
Taratura indicatore: 200 nWb/m per 0 dB.
Velocità del nastro:4,76 cm / s
Tempo di riavvolgimento: ca. 45 sec. per C60ca. 65 sec. per C90
Equalizzazione rip. :3180120 µs per IEC I (nastro di ossido di ferro)
            3180 70 µs per IEC II IV (biossido di cromo,ferro puro)
Controllo della banda:200 nWb / m per la visualizzazione di 0 dB sul misuratore di lettura di picco

Distorsione (a 315 Hz, 0 dB): IEC 1 <0,8%; IEC 2 <2%; IEC 4 <1%.
Risposta in frequenza (a -20 dB), +2-3 dB: IEC 1 20-16000 Hz; IEC 2 30-20.000 Hz; IEC 4 30-20000 Hz.
Attenuazione crosstalk:a 1 kHz migliore di 40 dB
Margine di sovraccarico per tutti gli ingressi: 40 dB
Rapporto S/R (rif. 3% distorsione, pes.A): > 66 dB con Dolby.
Diafonia (a 1 kHz, 0 dB): > 40 dB
Diafonia (a 1 kHz, 0 dB): > 40 dB
Ingressi per 0 dB:Microfono 0,35 mV / 10 kOhmLinea 70 mV / 220 kOhm
Uscite 0 dB = 200 nWb / m:
Uscita di linea: max. 775 mV con controllo di livello regolabile fino a -26 dB
Cuffie: max. 2,45 V per cuffie da 200 a 600 ohm
Peso:10,4 kg
Dimensione:45,2 cm x 15,1 cm x 35,2 cm
Il progetto 710 è nato dal genio del Ing. Marino Ludwig ed è stata una risposta alle continue suppliche del reparto vendite Revox dato che Willi Studer non voleva produrre nessun registratore a cassette perchè li considerava "giocattoli".   Si narra che l' Ing. Marino andò a comprare diversi "mazzi"  e traendo spunto da loro sviluppò il suo prototipo. Quando Willi vide il prototipo del B-710 in carne ed ossa esclamò: "Ok, ma solo se sarà fatto per essere abbinato ai nostri registratori RTR !! Ecco perché si può scorgere una palese somiglianza tra il B-710 e il B-77.  Questo registratore fu prodotto con molto ritardo rispetto a molte altre case e fu commercializzato tra il 1981 e il 1984 . La struttura meccanica è composta da tre parti in alluminio stampate ad iniezione . La parte inferiore accoglie la guida del nastro con le testine e i due rulli di pressione ed è montata in modo mobile. La parte centrale ospita sia i "motori del suono"   i perni guida delle cassette musicali. La parte superiore stampata ad iniezione, avvitata alla parte centrale, ospita i motori delle bobine di fuga e il magnete di sollevamento pesante che è responsabile del sollevamento delle testine del nastro. Tutto questo è coperto da una piastra in acciaio da 1,2 mm molto stabile. L'intera unità pesa ben 2,5 kg!
Il segnale del contatore e il segnale del tachimetro vengono generati con due scansioni ottiche sui motori delle bobine. Se le impostazioni non sono corrette qui, il dispositivo si spegne prematuramente durante l'avvolgimento. Spostarsi all'inizio del nastro e azzerare non funziona quando si riavvolge la cassetta. L'azionamento con i quattro motori e le testine sonore è costruito su un telaio pressofuso resistente alla torsione ed è così stabile e robusto che è stato persino utilizzato nelle apparecchiature da studio di Studer. l Revox B710 MK I è stato offerto solo con Dolby-B, il successivo MK II era disponibile con Dolby-B e C.

Il Revox B-710 è senza dubbio una macchina costruita bene ed è anche una elettronica che ha un innato fascino sia visivo che di reverenza verso questo glorioso marchio , ma non è tutto oro cio che luccica... Difatti il B-710 sa essere piuttosto volubile e capriccioso e non gli piacciono alcuni nastri.  Sì, il trasporto è solido ed è realizzato come un prodotto professionale , ma dipende molto, anzi decisamente troppo dalle condizioni dei rulli pressori e da come sono regolati loro in abbinamento con il solenoide di azionamento alzata .  Il B-710 seppur realizzato e pensato da un azienda con un buon carico di esperienza sulle spalle, paga inderogabilmente l acerbo e frettoloso progetto . Inoltre non ha HX e non esiste un "modo semplice" per calibrarlo meccanicamente o elettricamente ( spesso la barrier light si mette a far capricci) . Il B-710 non è famoso per essere un instancabile maratoneta, ma piuttosto è famoso per essere una prima donna molto capricciosa e anche scorbutica ... Il B710 ( non questo...) era entrato nella mia collezione di Deck in abbinamento con l impianto Full Revox, ma nonostante andasse decisamente bene dopo la revisione totale e la taratura ...fu venduto senza remore . La sua bellezza è indiscutibile, il suo modo di suonare non è all altezza dei prodotti Revox a cui "siamo abituati" .

Il progetto realizzato frettolosamente lo si vede anche dai vari aggiustamenti in corso d'opera , nello specifico qua sopra vediamo la scheda 1.710.461.11 Capstain Motor Control  in alcune varianti "aggiustate"  direttamente dalla fabbrica: Non è raro trovare queste correzioni e si possono riscontrare in qualunque elettronica , resta il fatto che sono e rimangono delle correzioni di un problema a monte.  Il problema di questa bella B-710 non era comunque questo, ne aveva veramente tanti...alcuni suoi  , altri regalati da chi ci ha messo le mani .
La meccanica è indubbiamente realizzata  bene e questa immagine lo dimostra ! , ma purtroppo non riesce ad essere efficace e imperturbabile nonostante la sua costruzione e progettazione .  La revisione e la riparazione di questa B-710 e cominciata dalla meccanica che dava grossi problemi , in parte dovuti alla meccanica stessa e  in parte a causa dell' elettronica pasticciata. Questo registratore difatti è stato comprato come "non funzionante" e poi l ' inesperto e pasticcione proprietario pensando di scoprire l acqua calda ci ha messo le mani riuscendo solo ad aggravare ulteriormente le condizioni di salute del malcapitato...
In questa immagine si possono osservere gli alberi dei due motori dopo che sono stati tolti i due Coupling arm con le due frizioni.
I due Coupling Arm  1.710.161.00 montati e il loro dettaglio componenti a lato escluse le viti di montaggio.
Questi Coupling Arm come li chiama la Revox nel loro manuale possono essere identificati anche come Reel Table oppure Supply - Takeup Spindle in base a che ha redatto il manuale .
Questo lo stato del pinch roller originale ( a sinistra )  da sostituire per l'evidente stato di usura e per il degrado a cui è andato incontro , mentre a destra il ricambio simile al originale di ottima fattura che andrà a sostituire quelli degradati (ovviamente entrambi) .
Il pinch roller è un componente molto importante e in questo caso drasticamente critico , non deve essere sostituito con un componente "casual" adattabile  , ma deve essere quanto di più simile ci sia rispetto al originale : deve rispettare il materiale di supporto, il materiale di attrito ( qualità e consistenza )  , le dimensioni , le tolleranze ed infine anche il tipo di lavorazione e qualità del prodotto finito ... questo se si vuole fare un intervento di qualità , noi seguiamo questa linea guida ...
L' attuatore è posto sopra alla meccanica ed ha il compito di sollevare e portare in posizione tutto il blocco testine/pinch roller .  La sua perfetta taratura/alzata è fondamenta per il corretto trasporto del nastro . Posto appensa sopra ad esso c'è il polmone che regola la discesa .
Regolare l' attuatore in modo corretto è abbastanza pernicioso dal momento che occorre anche regolare la pressione secondaria su entrambi i pinch roller tramite i due registri indicati dalle frecce e per farlo occorre un dinamometro ( noi usiamo questo ) e vanno impostati i valori prescritti : Qui non si improvvisa nulla ... o si seguono le indicazioni del manuale di servizio passo passo , con in aggiunta una buona dose di esprienza,  o si fanno disastri !  . In questo B-710, oltre ai pinch roller da sostituire in modo palese,  avevano anche smanettato sia sull' attuatore alzata meccanica ( Pinch Roller Solenoid ) che sui registri dei Pinch Roller , la conseguenza è abbastanza intuibile.
Il doppio sensore movimento sui Coupling Arm e il sensore Light Barrier ( indicato dalla freccia ) : questi sensori vanno di pari passo e per avere un corretto funzionamento devono suonare al' unisono , una asincronia tra i due porta all arresto del Tape Deck. Questo è solo uno dei casi in cui il circuito interviene ma nel Revox B-710 ...
Il rilevamento della tensione del nastro è TROPPO aggressivo e la barriera fotoelettrica spesso risplende attraverso il nastro sottile o usurato, provocando l'arresto... Motivo per cui questa piastra Deck è famosa per non gradire alcuni nastri e di conseguenza dare problemi .  Il circuito a cui fa capo IC1 LM339N  deve essere tarato secondo specifiche e il cirucito deve essere efficiente al 100% . Occorre quindi controllare i diodi posti su i due Coupling Arm e la Light barrier , vanno sostituiti i condensatori ( soliti) e in questo caso ho dovuto anche sostituire il Comparatore IC1 perchè non svolgeva bene il suo lavoro ( si vede nell immagine a lato ) .
Questa è un altra chicca di chi ha messo le mani dentro questa piastra deck: i cavi del segnale INPUT invertiti !!  ...
la sequenza giusta è quella più a destra, VERDE (L) NERO (MASSA) BIANCO (R) .
In questo B-710 qualcuno aveva già parzialmente sostituito i condensatori , non è stato ben chiaro con che logica, ma alcuni erano già stati sostituiti .
Noi abbiamo proceduto con i restanti  e abbiamo preferito lasciare quelli sostituiti al loro posto perchè le PCB Revox sono assai famose per la loro bassissima qualità ed è bene non stressare le piste gia volubili di loro : noi usiamo una adeguata strumentazione a bassa temperatura e molta esperienza,  in questo modo si evitano danni ... ergo sconsigliamo assolutamente il tirastagno meccanico a molla che a causa del suo contraccolpo danneggia la PCB.  
Tutte le schede elettroniche sono state riviste , controllate aggiornate e riparate  e dopo le varie tarature meccanice siamo passati alla  calibrazione della sezione audio.
La calibrazione si è svolta  secondo manuale , la macchina ha risposto  come previsto restituendo un comportamente "normale"  e preciso  nonostante  tutti i parametri fossero fuori norma anche se in questo caso i danni maggiori sono derivati dall' intervento inesperto e del tutto strampalato.
E' impensabile procedere su macchine simili senza strumentazione , senza i supporti necessari e senza aver la ben che minima conoscenza ed esperienza .
Copyright © 2006 - 2022 ARG.audio  All Right reserved, name and brands are of respective owners. On line 20/09/2006
                                                    Argenti  Imp.  Partita iva 07532050965
Torna ai contenuti