AVO CT160 - ARG-audio sito

ARG-audio
Vai ai contenuti
AVO  CT 160          Revisione - Taratura
Una Macchina professionale e definitiva da molti considerata la migliore realizzazione AVO in tema tube tester...
E' sicuramente una gran macchina, ma io preferisco l’ AVO MKIV  oppure cambiando "casa" tra i portatili direi il TV-2 fratello maggiore del TV-.7 anche se ha qualche "limitazione" nella lettura.
In questo tube tester troviamo regolazioni indipendenti per ogni valore :
Regolazione corrente e tensione anodica, filamenti, griglia, griglia schermo , GM , che uniti alla zoccolatura presente e alle numerose prove possibili  fanno si che questo tube tester sia davvero universale.
L’ altra faccia della medaglia è che potrebbe risultare un po complicato da usare per alcune prove e soprattutto richiede una ottima messa appunto:
Il CT160 come detto è una macchina completissima , efficace , molto complessa e infaticabile , ma come ogni strumento professionale che ha sulle spalle decenni di onorato servizio occorre dare una revisione accurata per poterla usare con un riscontro dei risultati veritieri e non sballati .
Ricordo che la taratura e verifica degli strumenti di misura non deve eccedere i 3 anni come tempo max ... fate voi...

Dati Tecnici :

L’apparecchio è in grado di svolgere le seguenti funzioni:
1)      Verificare la continuità del filamento
2)      Misurare l’isolamento tra gli elettrodi a valvola fredda
3)      Misurare l’isolamento tra gli elettrodi a valvola calda
4)      Misurare l’isolamento tra catodo e filamento (nelle valvole a riscaldamento indiretto)
5)      Indicazione rapida di valvola buona o cattiva,utilizzando una scala colorata rosso-verde (cattiva/buona)
        laddove la mutua conduttanza rappresenta il parametro di valutazione
6)      Misurazione della mutua conduttanza (slope o pendio) della valvola,
        laddove l’aumento del voltaggio di griglia applicato è inversamente proporzionale allo “slope” della valvola
7)      Misurazione della corrente anodica nelle valvole ad anodo singolo o multiplo
8)      Identificazione di dati sufficienti per la creazione di grafici su carta delle caratteristiche statiche
9)      Controllo delle valvole rettificatrici e dei diodi sotto condizioni di carico
10)    Misurazione della corrente di gas, limitata a 100µA
11)    Misura anodo fino a 100mA, gm da 0-20 mA

Basi presenti :
1)   Basi Britannico 4/5/7/9 pin (B4 / B5 / B7 / B7A / B9)
2)   Tipo P di base (8Sc)
3)   Internazionale octal, Mazda octal,
4)   UX4, UX5, UX6, UX7
5)   Americano SM7
6)   Loctal americano (B8B o B8G),
7)   B7G (in miniatura), B9A (Noval), B9D, B8D, B3G
8)   HIVAC 4 pin (SM4), HIVAC 5 pin (SM5),
9)   5AA e 7AA per valvole Acorn
10)  F8, B8A, B5A.

Due clip non impegnate che possono essere collegati ai connessioni cap o cap lato.

Alimentatore filamenti : 0,625, 1,25, 1,4, 2,0, 2,5, 3,0, 4,0, 4,5, 5,0, 5,7, 6,3, 7,5, 10, 11, 12,6, 13, 15, 16, 18, 20, 23, 25, 28, 30, 35, 40, 45, 48, 55, 70, 80, 117
Anodo : 20, 40, 60, 75, 90, 100, 150, 200, 250, 300, 400
Schermo : 20, 40, 60, 75, 90, 100, 125, 150, 200, 250, 300
Griglia : Continuamente variabile da 0 a -40V.
Alimentazione di rete : Selezionabile 105-120 a passi 5V, 175-250 a passi 5V @ 50-500Hz. AC.
Peso : 11,5 Kgr

L’apparecchio è in grado di esaminare la maggior parte delle valvole riceventi e alcune valvole trasmittenti.
L’apparecchio,costruito in conformità della normativa dei test climatici K114 del governo inglese, è alloggiato in una cassa metallica. L’involucro è distinto in due parti,la base che contiene la maggioranza dei controlli e il coperchio entro cui è situato il pannello delle valvole.   


AVO CT-160    Revisione - Taratura
Questo provavalvole mi è giunto con "i soliti" problemi:  La lettura GM era sballata e segnava valori maggiori del reale nell’ ordine del 30 - 40% .  Dopo aver estratto l elettronica dal telaio mi accorsi che lo strumento di lettura non era il suo originale e che inoltre era stata fatta una modifica molto discutibile.  Questa modifica era sostanzialmente un buffer che utilizzava un OP e che all' atto pratico creava solo dei problemi.  La PCB di modifica e visibile nella figura a lato.  Anche il potenziometro della GM aveva subito delle manomissioni  ben visibili dalle saldature approssimative  che prelevavano il segnale per portarlo alla PCB buffer.  Questa è una modifica che ho gia visto in rete, ma visti i scarsi risultati e i molti problemi, ho preferito eliminarla e riportare lo strumento come in origine.


A questo punto ho tolto il potenziometro della GM  e ho pulito il contatto che da “ set 0 “ con un lavaggio ad ultrasuoni : Se sporco e/o ossidato può creare problemi .  E’ stato sostituito il condensatore C3  perchè fuori tolleranza, mentre R10 risulava ancora in tolleranza : 200,7 ohm  .Dopo aver sostituito le resistenze di calibrazione R3+ R4  fuori tolleranza e  dopo aver rifatto tutti i collegamenti disastrosi sul potenziometro della GM e dopo aver eliminato la modifica posticcia della scheda PCB, ho eseguito come da manuale la calibrazione dello strumento .
Terminata la calibrazione e dopo aver ricontrollato tutte le misure in questione, ho provveduto a segnare e bloccare ogni potenziometro di taratura, Ora è tornato in perfetta forma …
Nell figura sotto il particolare meccanismo del selettore della GM  più una carrellata di orrori trovati qua e la , in ultimo il selettore GM pulito dal ossido ...
.








Copyright © 2007 - 2020 ARG.audio  All Right reserved, name and brands are of respective owners. On line 20/09/2007
                                                    Argenti  Imp.  Partita iva 07532050965
Torna ai contenuti