la storia della Geloso - ARG-audio sito

Vai ai contenuti

Menu principale:

La storia della...
La Storia della Geloso




Nel 1931 nasce la John Geloso S.A. (Società Anonima N.d.R.) in una modestissima sede in Milano, Via Sebenico n. 7, che inizia la sua attività con la costruzione di materiale per radio-ricevitori e per amplificatori. L'industria in quel campo e a quel tempo, nel nostro Paese, era appena nascente; la costruzione di radioricevitori ed amplificatori era, in effetti, affidata all'entusiasmo di pochi appassionati. Per essi l’azienda creò apposite "scatole di montaggio", che raccoglievano tutti i componenti e le parti necessarie per realizzare un completo apparecchio e che rappresentarono un passo molto importante per la formazione professionale teorica e pratica di successive generazioni di tecnici, ed allora era sicuramente dal punto di vista economico anche più conveniente. Vennero progettate e realizzate “in casa” Ingrandiscianche macchine avvolgitrici per trasformatori e bobine, creando così gli strumenti indispensabili per una lavorazione industria nazionale ancora agli inizi. Proprio ad allora risale la prima pubblicazione del famoso "Bollettino Tecnico Geloso" (distribuito gratuitamente in centinaia di migliaia di copie a chi ne faceva richiesta), attraverso il quale veniva fornito ai radiomontatori, ai tecnici ed ai radioamatori, un valido strumento formativo e di studio e di carattere generale, rendendo al tempo stesso pubbliche tutte le notizie, i dettagli tecnici e circuitali dei prodotti della Sua industria, ed i suggerimenti per le varie utilizzazioni dei medesimi. La filosofia aziendale era di rendere semplici anche le cose più difficili attraverso un chiaro ed essenziale modo di insegnare le cose, già ampiamente provato. Nel 1932 l’azienda va sempre più ingrandendosi e trasferisce la sede in Viale Brenta 18, ove i locali vengono via via ampliati per fare fronte alle maggiori esigenze di spazio della produzione crescente. Inizia nel 1934 la produzione industriale dei condensatori elettrolitici, che vengono continuamente perfezionati allo scopo di ridurre gli ingombri, ridurre la corrente di dispersione e l'angolo di perdita (a titolo di esempio, la serie 2900, la cui produzione venne iniziata nel 1939, segnò un vero progresso tecnico nel campo delle capacità elettrolitiche, e con alcune modifiche venne prodotta fino alla fine degli anni 50, inizio '60). Nel 1936 venne impiantato un apposito laboratorio per la coltura dei sali di "Seignette" ed un reparto specializzato per la lavorazione. Questo pose sul mercato italiano, quasi contemporaneamente ad altre aziende costruttrici in altre parti del mondo, microfoni e pick-up piezoelettrici che si diffusero, incontrando ottima accoglienza da tecnici ed amatori. Nel 1939 la Sede Centrale della Geloso si trasferisce nel grande stabilimento di Viale Brenta 29 (sede centrale sino alla chiusura della ditta), su di un'area di oltre 17.000 mq. Alla fine della guerra la Geloso si ingrandisce ancora, indirizzando la sua produzione esclusivamente a fini di pace: continua la ormai tradizionale produzione di componenti e scatole di montaggio, ma presenta anche apparecchi finiti. Sorgono gli Stabilimenti di Lodi, Napoli, Salerno e Roma, ciascuno con un proprio settore di produzione specializzata. Nel settembre del 1949 iniziano le prime trasmissioni televisive sperimentali e la Geloso è all'avanguardia, presentando un prototipo (GTV 1001) che, successivamente perfezionato, le consente nel 1952 (data di inizio del regolare servizio commerciale televisivo) di essere tra i primi costruttori sul mercato. In Geloso vengono anche progettati e realizzati la serie dei componenti (gioghi di deflessione, trasformatori di riga, bobine, ecc.) che vengono adottati da buona parte delle industrie nazionali e con una  Ingrandisciimpostazione originale, un'altra volta destinata a preparare i tecnici "del domani".Dopo la morte dell' Ing. Geloso i suoi stabilimenti proseguiranno la loro attività sino al 1972. Le ragioni della chiusura erano molte, principalmente legate alla concorrenza estera più agguerrita, a problemi di incapacità nella conduzione aziendale, problemi riconducibili ai movimenti interni sindacali, molto forti a quel tempo. Il marchio Geloso verrà poi acquistato da un'altra industria, la "PASO", e per alcuni anni comparirà su una gamma limitata di apparecchiature prodotte in Italia, in genere amplificatori, trombe sonore ed altoparlanti, poi scomparirà. E vien fatto di pensare ai pochi operai dei primi tempi per confrontarne il numero alle migliaia che ora direttamente o indirettamente vivono della Impresa, ai piccoli locali di via Sebenico per raffrontarli agli stabilimenti attuali ed al complesso delle industrie satelliti, ai primi pochi ma validi articoli per scorrere in una panoramica ideale le migliaia che sono passati nel tempo attraverso le pagine dei suoi cataloghi e fermarsi, quasi con commozione, agli ultimi prodotti realizzati proprio durante la sua ultima sofferenza fisica e morale, sofferenza che sopportava nella consapevolezza di adempiere a quello che ha sempre considerato un suo dovere ed ha costituito il suo credo morale: assicurare il futuro a quanti lavorarono con Lui.
La costruzione dei suoi televisori si basa su telaietti pre-montati e pre-tarati per le varie sezioni (media frequenza, suono, sincronismo, ecc.). I ricevitori televisivi Geloso vengono accolti con il miglior favore dal pubblico, il quale si sente compreso e curato, anche per quanto riguarda il lato estetico che, pur seguendo la naturale evoluzione dei tempi, sia per questi apparecchi come per tutti gli altri prodotti, conserva un giusto equilibrio fra il tradizionale ed il moderno. Particolare attenzione era rivolta da sempre all’ amplificazione e diffusione del suono, ponendo a disposizione dei consumatori apparecchiature di alta qualità a basso prezzo: amplificatori, Ingrandiscialtoparlanti, trombe esponenziali, microfoni, ecc... E' Sua produzione ed il merito della diffusione popolare nel nostro Paese del registratore magnetico. Dapprima a filo (mod. G 239, G 240, G 241 e G 242) e poi a nastro, verrà venduto, sin dai primi tempi, a prezzi accessibili a qualsiasi compratore, attuando così una volta di più il Suo principio -essenzialmente morale- di offrire prodotti di alta qualità a prezzi i più bassi possibile onde non precludere l'acquisto anche ai meno abbienti. L'attività di radioamatore dell'Ing. Geloso ebbe come conseguenza, sul piano industriale e realizzativo, lo studio e la costruzione di ricevitori e trasmettitori per le gamme radiantistiche, oltre a gruppi pilota (VFO) ed altre parti staccate con le quali numerosissimi radioamatori in tutto il mondo hanno realizzato la propria stazione ricevente-trasmittente: la Geloso è, stata nel gergo dei radioamatori identificata nelle conversazioni in Onde Corte, «la nota Casa» per antonomasia! Nell'aprile e nel settembre 1968 il pubblico e i tecnici poterono ammirare, in occasione della Fiera Campionaria e della Mostra della Radio e Televisione di Milano, i ricevitori per televisione a colori il cui studio era stato iniziato da vari anni ed aveva avuto come risultato l'elaborazione di circuiti presentanti alcune soluzioni del tutto originali. Questo nuovo settore di attività aveva richiesti investimenti ed impegno notevoli. Vengono costituite nelle principali città d'Italia, per la distribuzione dei Suoi prodotti, Filiali ed Agenzie in belle ed ampie sedi, dotate ciascuna di tutto quanto occorre per attendere adeguatamente alla clientela: viaggiatori, uffici, depositi ed un servizio di assistenza tecnica fisso e viaggiante attrezzato con tutte le apparecchiature utili allo scopo. Le Filiali nel 1970 erano le seguenti: Torino, Genova, Padova, Bologna, Firenze, Ancona, Pescara, Napoli, Bari, Cosenza e Cagliari. Le Agenzie: Brescia, Mantova, Bolzano, Udine, Trento, Trieste, Roma, Potenza, Catania, Palermo. All'estero sorge una fitta rete di distributori esclusivi che copre ben 60 Nazioni in: Europa, Africa, Asia, Oceania e nelle Americhe. In queste ultime ai fini di una maggiore  Ingrandiscipenetrazione commerciale sono state costituite, in America del Nord, la "American Geloso Electronics" e la " Canadian Geloso Electronics "; in America del Sud, imprese locali che portano il nome Geloso in: Argentina, Uruguay, Perù. Così i prodotti Geloso si diffondono nel mondo facendo conoscere il nostro Paese come nazione industriale nei luoghi più remoti. La Geloso è presente anche alle maggiori rassegne industriali ed elettroniche. In Italia: la Fiera Campionaria e la Mostra nazionale della Radio di Milano, il Salone della Tecnica di Torino, la Fiera di Padova, ecc. All'estero: il Salone dei Componenti e dell'Elettroacustica di Parigi, la Fiera Internazionale di Marsiglia, l'Esposizione Radio-TV Elettronica di Helsinki, la Mostra Internazionale di Hannover, le Mostre specializzate di Bruxelles e dell'Aia, le Esposizioni Elettroniche di Vienna, New York, Buenos Aires, Sydney ed altre. Sorgono attorno alla Geloso anche delle piccole e medie industrie che viva e prosperano producendo esclusivamente per il suo fabbisogno. La Geloso era diventata un' impero di otto stabilimenti di produzione con una capillare ed efficiente catena di vendita. La Geloso S.p.a. continuò la produzione fino al 1972 anno in cui chiuse definitivamente. Sembra quasi il momento di volgersi indietro e fare un bilancio di quanto fu realizzato: innumerevoli cose, tutte frutto di serietà professionale e genialità tecnica e scientifica.





Copyright © 2007 - 2017 ARG.audio  All Right reserved, name and brands are of respective owners. On line 20/09/2007
                                                    Argenti  Imp.  Partita iva 07532050965
Torna ai contenuti | Torna al menu